NESSUNA DIFFAZIONE: ASSOLTO IL CONSIGLIERE M5S ENRICO RUI

Sul caso Sedran nessuna diffamazione, avevamo solo raccontato la verità


Correva l'anno 2011 quando, a rovinarci le festività natalizie, giungeva presso il nostro consigliere comunale Enrico Rui una notifica del Tribunale riguardante una querela per diffamazione da parte del Comune di Trofarello.
Infatti il Sindaco Visca e la sua Giunta avevano ritenuto che a ledere l'onore del Comune fosse stato un articolo pubblicato sul nostro volantino informativo dove si criticava la scelta della Giunta di rateizzare il debito del Presidente del Consiglio comunale dovuto all'accredito di doppio stipendio per i precedenti 5 anni.
Sebbene l'interessato, il dott. Sedran, si fosse dichiarato immediatamente disponibile a rimediare all'errore occorso, i vertici dell'amministrazione trofarellese avevano ugualmente deciso di far restituire il dovuto in comode rate per i successivi 5 anni.
Oggi, dopo quasi due anni di carte bollate, memorie difensive, avvocati e tribolazioni varie il Giudice archivia il procedimento con questa motivazione "... l'articolo in questione, seppur in maniera sarcastica, esprime, con cognizione di causa, una critica sull'operato dell'amministrazione comunale in relazione alla restituzione di quanto indebitamente percepito dal presidente del consiglio comunale e, soprattutto, in relazione all'applicazione degli interessi e quant'altro".

Morale della favola: gli attivisti del M5S di Trofarello hanno pagato la parcella dell'avvocato difensore semplicemente per aver detto la verità citando atti pubblici ufficiali.

Chiediamo quindi al Sindaco e a tutta la Giunta, nelle persone degli Assessori che la compongono, un atto di responsabilità e cioè di mettere mano ai loro privati portafogli, non tanto per risarcire noi, ma i trofarellesi, per le spese sostenute dal comune e quindi da tutti i cittadini, noi compresi, per imbarcarsi in questo inutile quanto inopportuno processo.

Potrebbero, per esempio, devolvere la cifra all'acquisto dei canestri, sventrati ormai da anni, del parco di via Nenni oppure all'acquisto di qualche gioco per i bimbi del parco/deserto di via Ley, a parziale risarcimento di quanto speso con la cassa del Comune per soddisfare i loro capricci giudiziari.

Ci auguriamo che questa lezione insegni quanto meno che le critiche politiche possono esaurirsi nell'ambito di una discussione civile e magari al di fuori delle aule dei Tribunali.
Gli attivisti del M5S Trofarello

17/09/2013


Commenti   

 
0 #1 profile2462 2018-11-02 14:05
Need cheap hosting? Try webhosting1st, just $10 for an year.

http://www.cityshisha.de/images/photos/1412/16/639dc9934ddd66bf6ad884dc.jpg
Citazione
 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna